RESIDENZA ARTISTICA| MARCELLO SAMBATI Sulla poesia di VITTORIO PAGANO

๐—”๐—ฝ๐—ฒ๐—ฟ๐˜๐—ฒ ๐—น๐—ฒ ๐—ถ๐˜€๐—ฐ๐—ฟ๐—ถ๐˜‡๐—ถ๐—ผ๐—ป๐—ถ

AMA- Accademia Mediterranea dellโ€™Attoreย  in collaborazione il Polo bibliomuseale di Lecceย  e il Comune di Lecceย  ospitano ๐—ฑ๐—ฎ๐—น ๐Ÿญ๐Ÿณ ๐—ฎ๐—น ๐Ÿฎ๐Ÿญ ๐—ผ๐˜๐˜๐—ผ๐—ฏ๐—ฟ๐—ฒ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฎ (dalle ore 15 alle ore 20) presso il Convitto Palmieri di Lecce la residenza artistica con lโ€™attore e regista ๐— ๐—ฎ๐—ฟ๐—ฐ๐—ฒ๐—น๐—น๐—ผ ๐—ฆ๐—ฎ๐—บ๐—ฏ๐—ฎ๐˜๐—ถ nellโ€™ambito del progetto di creazione di una performance poetica su Vittorio Pagano.

Lโ€™attivitร  di residenza consiste in incontri per condividere  letture collettive  ad alta voce ed espressive,  improvvisazioni fisiche e vocali sulle poesie di Pagano.

Possono partecipare alla residenza attori e attrici professionisti e non professionisti, ricercatori, docenti, studenti, operatori culturali interessati al linguaggio della poesia e del teatro e in particolare alla poesia di Vittorio Pagano.

๐—” ๐—ฐ๐—ผ๐—ป๐—ฐ๐—น๐˜‚๐˜€๐—ถ๐—ผ๐—ป๐—ฒ ๐—ฑ๐—ฒ๐—น๐—น๐—ฎ ๐—ฟ๐—ฒ๐˜€๐—ถ๐—ฑ๐—ฒ๐—ป๐˜‡๐—ฎ ๐˜ƒ๐—ฒ๐—ฟ๐—ฟ๐—ฎ๐—ป๐—ป๐—ผ ๐˜€๐—ฒ๐—น๐—ฒ๐˜‡๐—ถ๐—ผ๐—ป๐—ฎ๐˜๐—ถ ๐—ถ ๐—ฐ๐—ผ๐—บ๐—ฝ๐—ผ๐—ป๐—ฒ๐—ป๐˜๐—ถ ๐—ฑ๐—ฒ๐—น ๐—ฐ๐—ฎ๐˜€๐˜ ๐—ฐ๐—ต๐—ฒ ๐—ฝ๐—ผ๐—ฟ๐˜๐—ฒ๐—ฟ๐—ฎฬ€ ๐—ถ๐—ป ๐˜€๐—ฐ๐—ฒ๐—ป๐—ฎ ๐—น๐—ฎ ๐—ฝ๐—ฒ๐—ฟ๐—ณ๐—ผ๐—ฟ๐—บ๐—ฎ๐—ป๐—ฐ๐—ฒ.

Quota di partecipazione 10โ‚ฌ

Per iscriversi รจ necessario inviare una richiesta di partecipazione con lettera motivazionale a info@accademiaama.it

Informazioniย  telย  ๐Ÿฏ๐Ÿฎ๐Ÿณ ๐Ÿฒ๐Ÿต๐Ÿฎ ๐Ÿณ๐Ÿฏ๐Ÿต๐Ÿณ

๐—–๐—›๐—œ ๐—˜โ€™ ๐—ฉ๐—œ๐—ง๐—ง๐—ข๐—ฅ๐—œ๐—ข ๐—ฃ๐—”๐—š๐—”๐—ก๐—ข

๐—ฉ๐—ถ๐˜๐˜๐—ผ๐—ฟ๐—ถ๐—ผ ๐—ฃ๐—ฎ๐—ด๐—ฎ๐—ป๐—ผ (Lecce, 1919-ivi 1979) รจ stato lโ€™ultimo custode di una koinรฉ ermetica in unโ€™epoca, fra il secondo dopoguerra e la fine degli anni Sessanta, segnata da tante adesioni o conversioni al neorealismo prima, e dallโ€™emersione delle istanze neoavanguardistiche poi; ed รจ stato un abile cesellatore delle forme chiuse quando ormai si iniziava a diffondere un dettato sempre piรน lasco o magmatico. La sua poesia innestava nella grammatica ermetica, alla quale si avvicinava con reverenza e devozione, inquietudini rivenienti da una lunga confidenza con la letteratura francese medievale, con Villon e con i Maudits, di cui fu apprezzato traduttore, riaggiornando con una sensibilitร  tutta contemporanea, e senza castrare la sua naturale inclinazione a un virtuosismo formale funambolico, un ricco repertorio di allucinate perlustrazioni urbane, malinconie e perdizioni, ricucite addosso a un soggetto lirico perennemente scisso e decentrato, polveroso superstite di una turris eburnea ormai in macerie. Il presente volume raccoglie, a cento anni dalla nascita e a quaranta dalla scomparsa, tutte le opere poetiche pubblicate in vita, ormai da tempo irreperibili: Calligrafia astronautica (1958), I privilegi del povero (1960), Morte per mistero (1963) e Zoogrammi (1964).

๐—–๐—›๐—œ ๐—˜โ€™ ๐— ๐—”๐—ฅ๐—–๐—˜๐—Ÿ๐—Ÿ๐—ข ๐—ฆ๐—”๐— ๐—•๐—”๐—ง๐—œ

Poeta, regista e drammaturgo, fondatore di luoghi teatrali reali e utopistici; protagonista e testimone del teatro italiano di ricerca degli ultimi trentโ€™anni. Creatore nel 1980 di Dark Camera e del teatro Furio Camillo di Roma, ha collaborato con artisti della scena contemporanea nazionale ed internazionale. Attualmente, trasmette lโ€™esperienza del suo teatro di ricerca alle nuove generazioni di artisti tramite seminari e corsi di formazione. Del 2018 il suo ultimo libro Margine e meraviglia. La scena corporea di Marcello Sambati edito da Editoria & Spettacolo.